In questo articolo vedremo nel dettaglio le caratteristiche principali per capire cosa si intende per dominio e perché conoscere il concetto di dominio è fondamentale se si vuole creare un sito web.

Indice:

  1. Cos’è un nome di dominio?

  2. Differenza tra nome di dominio e URL

  3. Come funzionano i nomi di dominio?

  4. Tipi di nomi di dominio

  5. Sottodomini e domini parcheggiati

  6. Chi è responsabile dei domini?

  7. Come si comprano i nomi di dominio?

1. Cos'è un nome di dominio?

In parole povere, un nome di dominio è il meccanismo che aiuta a identificare e localizzare i computer e le risorse collegate a Internet e mentre ci sono nomi di dominio gratuiti, di solito bisogna acquistarli attraverso i registrar.

Una delle caratteristiche più essenziali di un nome di dominio è che è unico, vale a dire che due siti su Internet non possono avere lo stesso nome di dominio.

Se vuoi essere presente su Internet devi registrare un nome di dominio che servirà poi come tuo nome online unico. I visitatori interagiranno con te usando questo nome di dominio o attraverso il tuo sito web o via e-mail.

2. Differenza tra nome di dominio e URL

Di solito i due termini, nome di dominio e URL sono usati in modo intercambiabile. Tecnicamente parlando però i due non sono la stessa cosa.

“Il nome di dominio (spesso chiamato semplicemente dominio) è un nome facile da ricordare associato a un indirizzo IP fisico su Internet. Corrisponde al nome univoco che compare dopo il simbolo @ negli indirizzi email e dopo www. negli indirizzi web. Ad esempio, il nome di dominio example.com potrebbe essere tradotto nell’indirizzo fisico 198.102.434.8. Altri esempi di nomi di dominio sono google.com e wikipedia.org. L’utilizzo di un nome di dominio per identificare una posizione su Internet in luogo dell’indirizzo IP numerico facilita la memorizzazione e la digitazione degli indirizzi web. “
GOOGLE

D’altra parte, un URL o un localizzatore di risorse uniforme è composto dal nome di dominio e da alcune altre informazioni, tra cui il protocollo e il percorso. Per esempio, https://techradar.com/pro è un URL in cui techradar.com è il nome di dominio, mentre https è il protocollo di trasferimento e /pro è il percorso ad una specifica sezione del sito web.

Nella maggior parte dei browser moderni, non è necessario inserire l’URL completo per visitare un sito web. Basta inserire il nome del dominio e il browser aggiungerà il protocollo e altre informazioni necessarie per visualizzare il sito web

3. Come funzionano i nomi di dominio?

Photo by Miguel Á. Padriñán from Pexels

Quando inserisci un nome di dominio nel browser, esso invierà una richiesta a un server DNS (Domain Name System). Questo può essere ospitato dal tuo ISP o da una terza parte rispettabile che si affida a una rete globale distribuita di server per prestazioni superiori.

È compito di questi server cercare i name server associati al nome di dominio e poi inoltrare la tua richiesta a quei name server. I name server sono computer gestiti dalla società di web hosting del sito.

I name server a loro volta inoltrano la richiesta al computer che ospita il sito web. Questo computer è chiamato server web ed è alimentato da un software server HTTP come Apache, Nginx e Tomcat, il cui compito è quello di recuperare il sito web, che viene poi inviato indietro e reso sul tuo browser web.

LEGGI QUI IL MIO ARTICOLO SUI SERVER DNS

4. Tipi di nomi di dominio

Un nome di dominio è solitamente suddiviso in due o più parti, ognuna delle quali è separata da un punto, come google.com. La sezione a destra dell’ultimo punto nel nome di dominio è il dominio di primo livello (TLD). Questi sono di solito uno dei TLD generici (gTLD) come .com, .net e .org.

Poi ci sono i ccTLD, che sono domini di primo livello con codice paese come .uk e .in. Sono pensati per essere usati per identificare siti destinati a regioni specifiche, come bbc.co.uk o abc.net.au.

A differenza dei gTLD, molti TLD sono destinati a un caso d’uso specifico. Per esempio, .edu è destinato specificamente alle istituzioni educative, mentre .gov può essere usato solo dalle agenzie governative.

Puoi vedere un elenco di tutti i TLD validi qui.

5. Sottodomini e domini parcheggiati

Oltre alla classificazione di cui sopra, i nomi di dominio sono categorizzati in un altro modo.

Un tipo comune di dominio di cui si sente spesso parlare è un sottodominio, che è esattamente quello che sembra, un dominio dentro un dominio. Un sottodominio è di solito preceduto dal nome del dominio originale, per esempio, calendario.esempio.com.

I sottodomini sono utili perché ti aiutano a ospitare efficacemente un sito web diverso senza acquistare un nome di dominio aggiuntivo. I sottodomini sono di solito impiegati per ospitare contenuti che sono in qualche modo diversi dal dominio principale. Per esempio, Google usa il sottodominio support.google.com per fornire aiuto e supporto per tutti i servizi offerti dal motore di ricerca.

Un altro tipo popolare di dominio è un dominio parcheggiato. Questo è di solito usato come alias per il dominio principale e reindirizza le richieste al dominio primario. Le aziende di solito usano i domini parcheggiati per assicurare i comuni errori di ortografia del loro nome di dominio primario, come microsft.com o gooogle.com. Molti usano anche i domini parcheggiati per registrare il dominio primario con altri TLD, per esempio yahoo.net.

L’origine del termine si riferisce comunque ai domini che si registrano ma non puntano a nessun sito web in particolare. In questi giorni però la pratica di parcheggiare i domini è spesso impiegata per lo squatting dei domini. Lo squatting dei nomi di dominio è l’atto di acquistare un TLD per impedire a qualcun altro di registrarlo, e poi trarne profitto rivendendolo. Tecnicamente la pratica non è illegale, ma è solitamente disapprovata, specialmente quando è fatta con un’intenzione nefasta.

6. Chi è responsabile dei domini?

La Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (ICANN) è un’organizzazione non-profit che crea e implementa le politiche per i nomi di dominio. L’ICANN è stata fondata nel 1998 per garantire che Internet rimanga utilizzabile da tutti.

L’ICANN dà il permesso di vendere nomi di dominio a società chiamate Domain Name Registrar. Queste società di registrazione di nomi di dominio sono autorizzate ad apportare modifiche al registro dei nomi di dominio e pagano una piccola tassa all’ICANN ogni volta che hanno bisogno di registrare un nome di dominio.

7. Come si comprano i nomi di dominio?

Puoi comprare nomi di dominio da uno dei tanti registrar di nomi di dominio, come Bluehost, GoDaddy, HostGator, e molti altri. Le società di registrazione di solito fanno pagare il nome di dominio con incrementi di 1 anno, anche se alcune permettono di pagare in anticipo fino a 10 anni al momento della registrazione.

Oltre a un nome di dominio avrai anche bisogno di un account di hosting per il sito web. Infatti, quasi sempre ci si avvicina a una delle tante società di hosting, che oltre a venderti un piano di hosting offrono anche servizi di registrazione del dominio. Questo accordo ti permette di gestire entrambi i servizi sotto un unico account.

Mentre l’esatto processo di acquisto di un nome di dominio varia, di solito si inizia cercando se il nome di dominio desiderato è disponibile. Quasi ogni registrar di nomi di dominio ha uno strumento dedicato a questo scopo. Alcuni di quelli buoni faranno un passo avanti e ti daranno suggerimenti per altri potenziali nomi di dominio, se quello che stavi cercando è già stato preso.

Dovrai poi pagare per il nome di dominio e il prezzo dipende dal TLD, con alcuni più costosi di altri. Di nuovo, i buoni registrar di nomi di dominio ti daranno la possibilità di comprare e parcheggiare il nome di dominio con diversi TLD, e forse anche di offrire uno sconto se scegli di farlo. Una volta che il nome di dominio è pagato e registrato sarai in grado di usarlo per ospitare il tuo sito web.

In questo articolo ti ho spiegato I concetti principali per comprendere cosa si intende per dominio di un sito web.

Se hai qualche dubbio sul dominio, contattami qui.

Un saluto.
Irina